Lotteria della Solidarietà: il sostegno dei negozi forlivesi

rossi casadei tassinari e braviLa Lotteria della Solidarietà, evento di raccolta fondi, ideato tanti anni fa da don Dario Ciani, è stata avviata nel mese di settembre e rappresenta una preziosa occasione per l’autofinanziamento del comparto del Non Profit locale. L’iniziativa, promossa congiuntamente dall’ass. Amici di don Dario, dal Consorzio Solidarietà Sociale di Forlì e da Assiprov, è sostenuta anche da diversi esercizi commerciali della città, che si sono impegnati ad esporre la locandina promozionale e a proporre ai propri clienti i biglietti della Lotteria.

I negozi forlivesi dove si possono, dunque, trovare ed acquistare i biglietti sono: Ottica Villa (Piazza Saffi), Driver abbigliamento (via delle Torri, 32 – via delle Torri, 21), Coop Equamente – AltroMercato, (via delle Torri, 7/9), La Botteghina del Libro (via G. Regnoli, 38/A), Libreria il Duomo (via Solferino, 19), Agenzia Viaggi Fortuna (c.so Garibaldi, 42), Centro Radio TV Casadei Expert (via Vivaldi, 7), Erboristeria Dr. Nostini (via Gramsci, 72), CAM Bici (via Copernico, 12), Piada 52 (via Dragoni, 52), Bar Roby e Roy (viale Bologna, 309), Bar Deborah (via P. Maroncelli, 14), On Hair Parrucchieri (via Plauto, 25).

La vendita dei biglietti si protrarrà fino al 29 gennaio 2021, quando è prevista, Covid permettendo, la tradizionale cena conviviale con l’estrazione dei 150 biglietti vincenti, la proclamazione del progetto solidale prescelto e la consegna a don Enzo Zannoni del contributo per il Fondo Carcere.

“Ringrazio di cuore – afferma Alberto Bravi, presidente dell’ass. Amici di Don Dario – i negozi forlivesi che con la loro disponibilità sono al nostro fianco per la buona riuscita della Lotteria della Solidarietà, anche durante questa edizione un po’ condizionata dall’emergenza Covid19 in corso. Nonostante l’evidente momento di difficoltà, la solidarietà non può e non deve fermarsi: anzi ritengo che, nella situazione di incertezza attuale, debba emergere ancora di più lo spirito solidale di un’intera comunità civile, per prendersi carico e sostenere con forza le fragilità del nostro territorio”.